Search  Italiano (Italia) English (United States)
Thursday, October 30, 2014 ..:: LA MALATTIA » Primo appuntamento ::.. Register  Login

La tua prima visita per la diagnosi dell’endometriosi: le domande che il medico potrà porti

 

di Ellen T. Johnson, con il contributo dei Prof. Philippe Koninckx, Prof. Jörg Keckstein e Prof. Jacques Donnez.

 

Come la maggior parte delle donne che soffrono di endometriosi, ti sarai spesso domandata a cosa siano dovuti quei dolori nella zona pelvica e gli altri strani sintomi. Forse nessuno ti ha preso sul serio all’inizio. Forse i genitori, gli amici e perfino i medici ti hanno detto che quei sintomi sono semplicemente dovuti al tuo essere donna. Eppure, in fondo al cuore, hai sempre saputo che quei sintomi non erano normali. Così un giorno hai deciso di dare ascolto a quella voce dentro di te e di fissare il tuo primo appuntamento con il ginecologo.

E’ però importante arrivare preparata a questo appuntamento per essere sicura di fornire allo specialista tutte le informazioni necessarie per impostare un piano terapeutico adatto a te. Al fine di aiutarti in questa fase preparatoria, abbiamo stilato un elenco di domande che il tuo dottore potrebbe porti in quell’occasione. Rifletti bene prima di rispondere: solo così aiuterai il medico ad avere un quadro preciso della tua situazione.

DOMANDE GENERICHE

La maggior parte dei ginecologi fa molte domande generiche ad ogni visita, indipendentemente dal motivo che ha spinto te a fissare questo appuntamento. Registra queste informazioni su un quaderno da portare con te ad ogni visita successiva.

LA DOMANDA LA TUA RISPOSTA
Data della prima mestruazione  
Data dell’ultima mestruazione  
Durata media del ciclo  
Tipo di flusso (abbondante, medio, leggero)  
Hai perdite tra un ciclo e l’altro?  
I cicli compaiono ogni 28-30 giorni o sono irregolari?  
Quali farmaci e che tipo di pillola anticoncezionale, ormoni e/o integratori assumi regolarmente? (Segna anche il dosaggio e la frequenza con i quali assumi questi preparati)  
Elenco delle malattie avute (incluse malattie a trasmissione sessuale) e degli interventi chirurgici subiti: MALATTIA O INTERVENTO DATA

Elenco delle principali malattie dei familiari:

 

Elenco delle allergie di cui soffri:

 
Fumi? Se sì, quanto?  
Bevi alcool? Se sì, quanto?  
Usi o hai mai usato droghe pesanti? Se sì, quali e quando?  
   

 

DOMANDE RELATIVE AI TUOI SINTOMI

 


LA DOMANDA LA TUA RISPOSTA
Hai dolori durante il ciclo? Cerca di definire bene il tipo di dolore. E’ importante dire al medico se soffri di dolori mestruali, se essi sono continui o intermittenti. Per rispondere a questa domanda, è utile tenere un diario quotidiano del dolore (come quello sotto riportato) nel quale segnare la data della mestruazione, la durata e il tipo di dolore (ad esempio, il dolore è continuato per tutto il giorno o solo qualche ora?).

? Sì

? No

? A volte

 


 
ESEMPIO DI DIARIO QUOTIDIANO DEL DOLORE

 

DATA GIORNO DEL CICLO ATTIVITA’ SVOLTE LIVELLO DI DOLORE (da 1 a 10) TIPO E LOCALIZZAZIONE DEL DOLORE E ALTRI SINTOMI QUANTO E’ DURATO IL DOLORE? MEDICINALI ASSUNTI E EFFICACIA
15 marzo   30 minuti di camminata   Crampi e pesantezza nella zona sotto l’ombelico

 

Diarrea dopo pranzo
  Paracetamolo

 

(poco efficace)

 

LA DOMANDA LA TUA RISPOSTA
Hai dolori durante o dopo un rapporto sessuale? Quando parli con il medico del dolore legato ai rapporti sessuali, devi essere onesta con lui e cercare di descrivere il tipo di dolore, se si manifesta solo durante la penetrazione profonda oppure sempre, se l’orgasmo peggiora il dolore e quali metodi applichi per alleviare questo dolore.  

? Sì

? No

? A volte

? Il dolore peggiora con la penetrazione profonda

? Ho dolore durante l’orgasmo

? Ho dolore dopo l’orgasmo

? Ho dolore in certe posizioni

Hai dolori durante l’evacuazione? Molte donne che soffrono di endometriosi provano dolori durante l’evacuazione, dolori rettali, stitichezza o diarrea. Il medico vorrà sapere se hai mai avuto sangue nelle feci e se questi sintomi sono presenti solo durante il ciclo. ? Sì

? No

? A volte

? Ho dolore nell’evacuazione

? Ho dolori rettali

? Soffro di stitichezza e/o di diarrea o di un’alternanza tra le due

? Ho sangue nelle feci

? Questi problemi si accentuano durante il ciclo

Hai dolori pelvici se fai esercizio fisico? Alcune donne che soffrono di endometriosi provano dolore se compiono attività fisica. Questo dolore può aggravarsi durante il ciclo. ? Sì

? No

? A volte

? Il dolore è più forte durante il ciclo

Quando hai iniziato a provare dolore? Il dolore è iniziato ___ anni fa’ Il dolore è iniziato recentemente. Quando? ___

Dov’è localizzato il dolore? Per rispondere a questa domanda, indica o descrivi l’area del tuo corpo che ti fa male. Alcuni medici dispongono di un diagramma raffigurante il corpo umano per facilitare l’individuazione della zona dolente.

 
Che tipo di dolore? Quando descrivi il dolore, cerca di usare gli aggettivi che meglio lo caratterizzano. Spesso le donne dicono che il dolore provocato dall’endometriosi è bruciante, improvviso, persistente, pulsante, simile a un crampo, a una pugnalata, a una pressione o ad una spinta. Aggettivi per descrivere il mio dolore:
Intensità del dolore? Quando descrivi il dolore, cerca di definirne l’intensità con aggettivi quali insopportabile, forte, moderato o sopportabile. Oppure usa una scala del dolore, da 1 (nessun dolore) a 10 (un dolore assolutamente insopportabile).

 

Se ti è d’aiuto, puoi utilizzare la scala del dolore di Andrea Mankoski.
Scala del dolore da 1-10: _________
   

  

SCALA DEL DOLORE DI ANDREA MANKOSKI

 

0 Nessun dolore Nessun analgesico
1 Disturbo molto lieve con fitte sporadiche di lieve intensità Nessun analgesico
2 Disturbo lieve con fitte sporadiche di forte intensità Nessun analgesico
3 Il dolore è fastidioso e disturba la tua capacità di concentrazione Gli analgesici lievi sono efficaci (aspirina, ibuprofene)
4 Il dolore può essere ignorato solo se sei molto concentrata in un’attività Gli analgesici lievi sono efficaci per sollevare il dolore per 3-4 ore
5 Il dolore non può essere ignorato per più di 30 minuti Gli analgesici lievi riducono il dolore per 3-4 ore
6 Il dolore non può essere ignorato ma non impedisce di lavorare o fare altre attività sociali Gli analgesici più forti sono efficaci per ridurre il dolore per 3-4 ore (codeina, tramadolo)
7 Il dolore rende difficile concentrarsi e dormire. Riesci comunque a fare qualche attività ma con fatica. Gli analgesici più forti sono poco efficaci e bisogna ricorrere ad analgesici molto forti ( morfina, ossicodone)
8 Il dolore rende molto difficile svolgere qualsiasi attività fisica: riesci a leggere e a parlare con fatica. Nausea e capogiri si aggiungono al dolore. Gli analgesici più forti sono molto poco efficaci mentre gli analgesici molto forti sono efficaci per 3-4 ore
9 Il dolore rende impossibile parlare. Gemi o urli quasi in delirio Gli analgesici molto forti sono poco efficaci
10 Perdita di coscienza. Il dolore provoca svenimento. Gli analgesici molto forti sono poco efficaci

 

LA DOMANDA LA TUA RISPOSTA
Hai dolori durante o dopo un rapporto sessuale?
Quando parli con il medico del dolore legato ai rapporti sessuali, devi essere onesta con lui e cercare di descrivere il tipo di dolore, se si manifesta solo durante la penetrazione profonda oppure sempre, se l’orgasmo peggiora il dolore e quali metodi applichi per alleviare questo dolore.
 
Hai dolori durante l’evacuazione?
Molte donne che soffrono di endometriosi provano dolori durante l’evacuazione, dolori rettali, stitichezza o diarrea. Il medico vorrà sapere se hai mai avuto sangue nelle feci e se questi sintomi sono presenti solo durante il ciclo.
 

Hai dolori pelvici se fai esercizio fisico?
Alcune donne che soffrono di endometriosi provano dolore se compiono attività fisica. Questo dolore può aggravarsi durante il ciclo.

 
Quando hai iniziato a provare dolore? Il dolore è iniziato ___ anni fa’ Il dolore è iniziato recentemente. Quando? ___

Dov’è localizzato il dolore?
 Per rispondere a questa domanda, indica o descrivi l’area del tuo corpo che ti fa male. Alcuni medici dispongono di un diagramma raffigurante il corpo umano per facilitare l’individuazione della zona dolente.

 
Che tipo di dolore?
Quando descrivi il dolore, cerca di usare gli aggettivi che meglio lo caratterizzano. Spesso le donne dicono che il dolore provocato dall’endometriosi è bruciante, improvviso, persistente, pulsante, simile a un crampo, a una pugnalata, a una pressione o ad una spinta.
Aggettivi per descrivere il mio dolore:

Intensità del dolore?
Quando descrivi il dolore, cerca di definirne l’intensità con aggettivi quali insopportabile, forte, moderato o sopportabile. Oppure usa una scala del dolore, da 1 (nessun dolore) a 10 (un dolore assolutamente insopportabile).

Se ti è di aiuto, puoi utilizzare la scala del dolore di Andrea Mankoski.

Scala del dolore da 1-10: _________
   
 0 Nessun dolore Nessun analgesico
 1 Disturbo molto lieve con fitte sporadiche di lieve intensità Nessun analgesico
 2 Disturbo lieve con fitte sporadiche di forte intensità Nessun analgesico
 3 Il dolore è fastidioso e disturba la tua capacità di concentrazione Gli analgesici lievi sono efficaci (aspirina, ibuprofene)
 4 Il dolore può essere ignorato solo se sei molto concentrata in un’attività Gli analgesici lievi sono efficaci per sollevare il dolore per 3-4 ore
 5 Il dolore non può essere ignorato per più di 30 minuti Gli analgesici lievi riducono il dolore per 3-4 ore
 6 Il dolore non può essere ignorato ma non impedisce di lavorare o fare altre attività sociali Gli analgesici più forti sono efficaci per ridurre il dolore per 3-4 ore (codeina, tramadolo)
 7 Il dolore rende difficile concentrarsi e dormire. Riesci comunque a fare qualche attività ma con fatica. Gli analgesici più forti sono poco efficaci e bisogna ricorrere ad analgesici molto forti ( morfina, ossicodone)
 8 Il dolore rende molto difficile svolgere qualsiasi attività fisica: riesci a leggere e a parlare con fatica. Nausea e capogiri si aggiungono al dolore. Gli analgesici più forti sono molto poco efficaci mentre gli analgesici molto forti sono efficaci per 3-4 ore
 9 Il dolore rende impossibile parlare. Gemi o urli quasi in delirio Gli analgesici molto forti sono poco efficaci
 10 Perdita di coscienza. Il dolore provoca svenimento. Gli analgesici molto forti sono poco efficaci

Che dolori hai adesso?

Sii onesta!

 

Quanti giorni al mese dura il dolore?

Se hai una buona memoria, riuscirai a dire esattamente quanti giorni al mese stai male. Comunque, non bisogna sempre fidarsi della propria memoria poiché la maggior parte di noi tende a dimenticare il dolore dopo che è svanito. A questo proposito, l’utilizzo del diario quotidiano del dolore (di cui abbiamo parlato sopra) è il metodo migliore per determinare con esattezza quanti giorni al mese dura il dolore.

Numero di giorni al mese nei quali sento dolore:

Il dolore sta aumentando?

Dal momento in cui si è presentato la prima volta ad oggi, il dolore è aumentato? Se sì, in che modo?

? Il dolore sta aumentando di molto

? Il dolore sta aumentando di poco

? Il dolore è sempre lo stesso

? Il dolore sta diminuendo

Qual è l’impatto del dolore sulla tua vita?

 Racconta al tuo medico se, a causa dei tuoi sintomi, devi stare a casa dal lavoro/scuola o rinunciare ad uscire. Il dottore potrà anche chiederti se il dolore ti impedisce di fare sport.

 

Elenca i farmaci che hai assunto per alleviare il dolore e se sono stati efficaci.

La maggior parte delle donne che soffre di endometriosi ha fatto uso di qualche analgesico o antinfiammatorio. Elenca al dottore quali farmaci hai preso o stai prendendo e se sono in grado di ridurre il dolore.

FARMACO e EFFICACIA

Elenca anche eventuali metodi alternativi che hai usato o stai usando per contrastare il dolore.

 Se la medicina tradizionale non funziona, spesso le donne si rivolgono a terapie e a medici alternativi (agopuntura, chiropratica, bio-feedback etc). Elenca anche eventuali erbe medicinali che hai preso o stai prendendo e se sono efficaci.

METODO e EFFICACIA

 

ALTRI SINTOMI

 

Hai la nausea durante il ciclo? ? Sì

? No

Hai il vomito durante il ciclo? ? Sì

? No

Hai mai delle perdite di sangue vaginali? ? Sì

? No

Hai dolore durante la minzione o sangue nelle urine in qualsiasi momento durante il ciclo? ? Sì

? No

Sei gonfia durante il ciclo o in altri periodi? ? Sì

? No

Fai fatica a ingrassare/dimagrire? ? Sì

? No

Ti senti fiacca? ? Sì

? No


 DISCUTERE I SINTOMI CON IL TUO GINECOLOGO

Discutere con il medico di dolore pelvico e di altri sintomi ginecologici può essere piuttosto imbarazzante. Le ragazze giovani si trovano ancor di più a disagio nello studio del ginecologo. Tuttavia, è importantissimo spiegare esattamente i sintomi e discutere senza pudore né imbarazzo di quello che ti provoca dolore. Solo se fornirai informazioni accurate, il medico sarà in grado di valutare con precisione la tua situazione ed è solo con una corretta diagnosi che si potrà giungere ad una terapia adeguata.
Traduzione a cura dell’Associazione Italiana Endometriosi Onlus.

Si ringraziano gli autori e il sitowww.endozone.org per il gentile permesso di pubblicare questo articolo.

© Ellen T. Johnson

 

Le pagine contenenti informazioni mediche hanno solo finalità divulgative ed educative, non costituiscono motivo di
auto-diagnosi o di automedicazione, non sostituiscono la consulenza medica e non rappresentano messaggi pubblicitari. Consultate sempre il vostro medico.

 

Riproduzione e traduzioni anche parziali vietate
ã 2013 Associazione Italiana Endometriosi
mailto:info@endoassoc.it

Ultimo aggiornamento: Agosto 2013 

Copyright 2010 by Associazione Italiana Endometriosi   Terms Of Use  Privacy Statement
DotNetNuke® is copyright 2002-2014 by DotNetNuke Corporation