La tua prima visita per la diagnosi dell’endometriosi: le domande che il medico potrà porti di Ellen T. Johnson, con il contributo dei Prof. Philippe Koninckx, Prof. Jörg Keckstein e Prof. Jacques Donnez. Come la maggior parte delle donne che soffrono di endometriosi, ti sarai spesso domandata a cosa siano dovuti quei dolori nella zona pelvica e gli altri strani sintomi. Forse nessuno ti ha preso sul serio all’inizio. Forse i genitori, gli amici e perfino i medici ti hanno detto che quei sintomi sono semplicemente dovuti al tuo essere donna. Eppure, in fondo al cuore, hai sempre saputo che quei sintomi non erano normali. Così un giorno hai deciso di dare ascolto a quella voce dentro di te e di fissare il tuo primo appuntamento con il ginecologo. E’ però importante arrivare preparata a questo appuntamento per essere sicura di fornire allo specialista tutte le informazioni necessarie per impostare un piano terapeutico adatto a te. Al fine di aiutarti in questa fase preparatoria, abbiamo stilato un elenco di domande che il tuo dottore potrebbe porti in quell’occasione. Rifletti bene prima di rispondere: solo così aiuterai il medico ad avere un quadro preciso della tua situazione. DOMANDE GENERICHE La maggior parte dei ginecologi fa molte domande generiche ad ogni visita, indipendentemente dal motivo che ha spinto te a fissare questo appuntamento. Registra queste informazioni su un quaderno da portare con te ad ogni visita successiva. DOMANDE RELATIVE AI TUOI SINTOMI ESEMPIO DI DIARIO QUOTIDIANO DEL DOLORE SCALA DEL DOLORE DI ANDREA MANKOSKI ALTRI SINTOMI DISCUTERE I SINTOMI CON IL TUO GINECOLOGO Discutere con il medico di dolore pelvico e di altri sintomi ginecologici può essere piuttosto imbarazzante. Le ragazze giovani si trovano ancor di più a disagio nello studio del ginecologo. Tuttavia, è importantissimo spiegare esattamente i sintomi e discutere senza pudore né imbarazzo di quello che ti provoca dolore. Solo se fornirai informazioni accurate, il medico sarà in grado di valutare con precisione la tua situazione ed è solo con una corretta diagnosi che si potrà giungere ad una terapia adeguata. Traduzione a cura dell’Associazione Italiana Endometriosi Onlus. Si ringraziano gli autori e il sitowww.endozone.org per il gentile permesso di pubblicare questo articolo. © Ellen T. Johnson

Le pagine contenenti informazioni mediche hanno solo finalità divulgative ed educative, non costituiscono motivo di

auto-diagnosi o di automedicazione, non sostituiscono la consulenza medica e non rappresentano messaggi pubblicitari. Consultate sempre il vostro medico.